Osservare

“Se davvero vuoi capire…impara ad osservare

Sara Maffi

osservare

●“OSSERVARE”: una parola-chiave dell’Etologia

Cosa si osserva in etologia?

Il COMPORTAMENTO degli animali

 

osservare dog

“Il comportamento animale è il ponte fra gli aspetti molecolari e fisiologici della biologia e quelli ecologici. Il comportamento è il legame fra organismi e ambiente, fra sistema nervoso ed ecosistema. Il comportamento è una delle più importanti proprietà della vita animale. […] Noi umani definiamo le nostre vite in termini di comportamento” Cit. Charles T. Snowdon “Encyclopedia of Animal Behaviour

 

Dog VS Cat

Cane e Gatto a confronto

“Il rapporto tra uomo e gatto è stato assai diverso da quello tra uomo e cane. Gatto e cane hanno mantenuto molti aspetti della loro vita selvatica. In natura il primo è solitamente un cacciatore solitario, e per lo più è attivo di notte. Il secondo allo stato libero è un animale sociale, lavora in gruppo ed è attivo tra l’alba e il tramonto. Il suo bisogno di socializzazione è tale che senza un padrone o una famiglia sembra infelice, quasi perduto. Un cane, se si sente solo e ha voglia di stare in compagnia o di giocare, è capace di intromettersi nelle attività di un umano. I gatti, al contrario, spesso durante il giorno non si fanno vedere, e sembra che si facciano vivi solo alla sera, specialmente  se è quella l’ora in cui si dà loro mangiare. Può capitare che un gatto interagisca o giochi con un essere umano, ma il suo interesse è limitato. Di solito dopo qualche minuto abbandona il gioco e se ne va. Il cane invece si impegna (per esempio a riportare una palla) anche per delle ore, e normalmente è l’uomo il primo a voler smettere. Anche quei comportamenti che noi interpretiamo come segni di affetto o socievolezza felina, quali l’abitudine di strofinarsi contro le gambe del padrone, non sono fatti con l’intenzione di socializzare. I gatti hanno alcune ghiandole odorifere particolari, localizzate presso le tempie, l’apertura della bocca e la base della coda. Una parte del loro rituale di pulizia consiste nello spargere questi odori su tutto il corpo. Quando il gatto si strofina contro la nostra gamba ci sta segnando con il suo odore, come a dichiarare che facciamo parte del suo territorio e dei suoi possedimenti”. – Tratto da “Cani e Padroni” di Stanley Coren

 Un po’ di Humor 😀

dog-cat dog languagecat language

dog-cat2

…Tornando “seri”, riflettiamo:

Dopo aver letto la citazione scritta sopra, direi: “A ognuno il suo COMPORTAMENTO!” … Siamo abituati a vedere cane e gatto come i nostri animali domestici che fanno parte della vita di tutti i giorni di molte persone, senza magari pensare però che in passato queste specie hanno invece avuto sviluppi ed esistenze diverse spesso determinanti su quelle che sono oggi le loro caratteristiche sia fisiologiche che comportamentali.

Leggendo questo confronto diretto quindi può essere utile riflettere sul fatto che ogni animale ha caratteristiche comportamentali diverse, a volte simili a volte contrapposte.

È perciò importante quando ci si relaziona con gli animali, conoscere quelle che sono le caratteristiche proprie della specie: Etologia e Psicologia Comparata possono aiutare in questo. Mettere a confronto specie diverse può essere interessante per  conoscere maggiormente i nostri amici animali, capire quelle che sono le dinamiche dei loro comportamenti…

A questo proposito si possono considerare le 4 domande del famoso etologo Niko Tinbergen:

1) Qual è la CAUSA di un certo comportamento? Da quali FATTORI è stato CAUSATO?

2) Qual è la FUNZIONE di un comportamento? (Significato FUNZIONALE, ADATTATIVO o “di sopravvivenza”)

3) Come si è SVILUPPATO/ cambiato nel corso della vita di un individuo? (ONTOGENESI)

4) Come si è EVOLUTO nel corso della vita degli individui di una certa specie? (FILOGENESI)

Se vogliamo conoscere e comprendere meglio gli animali è importante prestare attenzione a quelle che sono le caratteristiche proprie di ognuno, sia a livello di individuo che di specie.

Possiamo chiederci in generale: ”Perché fanno così?”

…Parola chiave quindi: OSSERVARE! 😉

By Sara Maffi